FIGURA 3. Gli strati del Flysch di M. Caio, qui in giacitura rovesciata, mostrano una chiara struttura laminata, imputabile all’azione delle correnti di torbida che hanno depositato l’originario sedimento.