Prisma tettonico delle Unità Subliguri

 

Il margine interno del bacino di avanfossa che ha accolto la sedimentazione torbiditica delle Arenarie di Monte Zuccone poteva essere costituito da un prisma tettonico, realizzato per accrezione delle unità del Bacino Subligure. Le intercalazioni caotiche che si ritrovano nella successione arenacea di M. Zuccone (FIGURA 14) possono essere interpretate come l’effetto del coinvolgimento tettonico che il margine interno dell’avanfossa avrebbe subito all’inizio del Miocene. Le compressioni tettoniche infatti, potrebbero aver destabilizzato questo margine, innescando movimenti gravitativi penecontemporanei alla sedimentazione delle arenarie (FIGURA 15). L’evolversi delle spinte tettoniche avrebbe poi portato in completo sovrascorrimento il prisma tettonico, rendendo alloctone le Unità subliguri e interrompendo la sedimentazione in questo settore interno dell’avanfossa.