sito n.19 “L’Unità Groppo Sovrano”

(P. Vescovi)

 

 

Accessibilità

 

La successione stratigrafica che caratterizza questa unità tettonica è visibile, nella sua interezza, in buone esposizioni che si collocano sul versante sinistro dell’alta valle del T. Bratica, lungo la Strada provinciale 75 Corniglio-Monchio delle Corti, tra i paesi di Grammatica e Riana (FIGURA 1).

 

 

Descrizione del sito

 

L’unità tettonica Groppo Sovrano risulta tettonicamente ricoperta dal Flysch liguride di M. Caio ed a sua volta sovrascorre l’Unità subligure di Canetolo. Questa posizione tettonica ed i caratteri litostratigrafici della successione, prevalentemente argilloso-calcarea e priva di ofioliti, in passato hanno fatto ritenere che l’Unità Groppo Sovrano potesse essere ascritta al Dominio Subliguride, costituendone la porzione più interna (Zanzucchi, 1963; Boccaletti e Coli, 1982; Cerrina Feroni et alii, 1990; Vescovi et alii, 1998).

Nei lavori più recenti, questa Unità viene considerata parte del Dominio Liguride del quale potrebbe rappresentare la porzione più esterna (Cerrina Feroni et alii, 2002), in relazione all’età eocenica inferiore della successione che si chiude con un caotico eocenico medio (Vescovi et alii, 1998): un’unità tettonico-sedimentaria che registra di fatto il processo di sottoscorrimento dell’Unità Groppo Sovrano sotto il Flysch di M. Caio.

Nei settori più occidentali (Val Taro) questa unità tettonica trova molte analogie nell’Unità Ghiare (Vescovi, 2002); quest’ultima occupa la stessa posizione tettonica ed è rappresentata da una successione di formazioni che mostrano numerose similitudini litostratigrafiche.

L’Unità Groppo Sovrano è rappresentata da una successione stratigrafica che si apre con le Argilliti di Riana, campaniano-maastrichtiane alle quali si sovrappone in discordanza stratigrafica il Flysch di Grammatica eocenico inferiore; quest’ultimo è seguito stratigraficamente dalle Arenarie di Groppo Sovrano eoceniche inferiori che a loro volta vengono ricoperte dal Flysch di Rio Canalaccio, di età ancora eocenica inferiore; la successione si chiude con il Melange di Rio Rodichiasso, un’unità caotica di età eocenica media (FIGURA 2).

Le Arenarie di Groppo Sovrano sono splendidamente esposte nelle scarpate orientali di Sorgroppo (FIGURA 1), osservabili in panoramica dal paese di Casarola (FIGURA 3). Questo rilievo montuoso, indicato sulla vecchia cartografia IGM con il toponimo di Groppo Sovrano, raggiunge un’altezza di 1248 m. ed è delimitato sul lato orientale da scarpate rocciose che permettono di osservare la successione, coinvolta in un parziale sovrascorrimento e completamente sovrascorsa alle Arenarie di Ponte Bratica oligoceniche affioranti nell’incisione del T. Bratica (FIGURA 4).

Un'osservazione speditiva della succassione stratigrafica si può effettuare anche direttamente lungo la strada provinciale che unisce i paesi di Grammatica e Riana.

Le Argilliti di Riana affiorano lungo strada poco a nord di Sorgroppo (A in FIGURA 5), dove si presentano in alternanze torbiditiche di arenarie fini in strati sottili e medi, intercalati da marne di aspetto ardesiaco e da argilliti nerastre e verdognole; queste alternanze risultano coinvolte in almeno due deformazioni plicative le cui direzioni assiali sono rispettivamente SW-NE e NW-SE (FIGURA 6). Un centinaio di metri più a nord, sempre lungo strada, affiora un’altra litofacies che caratterizza le Argilliti di Riana: si tratta di argilliti nerastre, rosso vinato e verdine, a stratificazione indistinta, talora intercalate da sottili livelli di siltiti silicee incrostate da ossidi di manganese e localmente da strati di breccia verdastra, monogenica, ad elementi di scisto a clorite (FIGURE 7,8). Altri affioramenti molto ben esposti delle Argilliti di Riana si possono osservare in località Il Castello, ad est di Grammatica, lungo il sentiero che dal cimitero scende verso sud (FIGURA 5).

Anche il contatto discordante con il sovrastante Flysch di Grammatica è esposto sulla strada (B in Fig. 5); qui si possono osservare le Argilliti di Riana grigio scure, ricoperte da uno strato torbiditico di arenarie fini grigio chiare, impregnato di ossidi nella sua parte basale; questo strato segna l’inizio della deposizione del Flysch di Grammatica eocenico inferiore, potente circa 25 metri (FIGURE 9,10).

Le Arenarie di Groppo Sovrano si possono esaminare facilmente sfruttando le ottime esposizioni sulla strada, poco a sud del paese di Grammatica (C in FIGURA 5). La formazione si presenta come una successione torbiditica costituita da strati arenacei grigio chiari spessi e molto spessi, intercalati da sottili livelli pelitici grigio scuri e rossastri (FIGURA 11). Le arenarie risultano tenacemente cementate da calcite, anche per l’elevato tenore in bioclasti carbonatici che arriva quasi al 50%. Localmente si notano intercalazioni di sottili livelli micritici biancastri e livelletti arenacei poco cementati, verdastri per l’elevato tenore in clorite (FIGURA 12). Talora, alla base di strati arenacei a tessitura particolarmente grossolana si rinvengono clasti arrotondati di dimensioni centimetriche e decimetriche di scisti verdastri a clorite (FIGURA 13).

Le Arenarie di Groppo Sovrano, potenti circa 90 metri, seguono stratigraficamente il Flysch di Grammatica e passano, sempre per alternanze, al soprastante Flysch di Rio Canalaccio potente circa 20 m. Quest’ultimo è costituito da strati medi e spessi di marne grigie e rosate, alternate da sottili strati di areniti fini laminate e di calcari micritici intensamente bioturbati. Il passaggio tra le Arenarie di Groppo Sovrano ed il Flysch di Rio Canalaccio si può osservare presso Groppo Torsello (FIGURA 14), dove si risolve per alternanze, con una progressiva diminuzione di frequenza degli strati di arenarie grossolane (FIGURA 15). Un’altra zona dove è ben esposto questo contatto si trova ad ovest di Riana, lungo il Rio Canalaccio, a quota 1070 circa (FIGURA 5).

L’intera successione di questa unità tettonica si chiude con il sovrascorrimento del Melange di Rio Rodichiasso, un’unità caotica tettonico-sedimentaria di età eocenica media (Vescovi et alii, 1998).

Quest’ultima è costituita da lembi eterometrici derivanti da tutte le formazioni che compongono la successione eocenica inferiore, con l’ulteriore interposizione di corpi decametrici di sottili torbiditi arenitiche fini di età santoniana, molto simili alle Arenarie di Ostia. L’unità caotica è osservabile agevolmente lungo il taglio stradale, uscendo verso est dal paese di Grammatica.  

 

 

Motivo della scelta

 

La successione stratigrafica di questa unità tettonica registra i caratteri della sedimentazione della parte probabilmente più esterna del bacino liguride che è stata incorporata nel prisma di accrezione per sottoscorrimento, nell’Eocene medio.

 

 

Cartografia di riferimento

 

CTR  Tavola 217 SO “Corniglio”, scala 1:25.000

          Elemento n. 217144 “Grammatica”, scala 1:5.000

          Elemento n. 217143 “Monchio delle Corti”, scala 1:5.000