FIGURA 2. Immagine da satellite dell’area tra il T. Parma e il T. Enza, dove ha sede la “Parma morta” (da Google Earth 2008).