FIGURA 20. La “Parma morta” nel suo tratto orientale, presso la confluenza con il T. Enza.